Suillus collinitus (Fr.) Kuntze. (1898)

Sinonimi:
Boletus collinitus Fr., Epicr. syst. mycol. (Uppsala): 410 (1838)
Suillus fluryi Huijsman, Schweiz. Z. Pilzk. 47(3): 70 (1969)

Etimologia: Suillus, diminutivo dal latino “sus” maiale, porcellino, per la taglia particolarmente abbondante, e collinitus, da “cóllino”= ungere, unto, come coperto da una patina untuosa.

 

Cappello: Ø 30-60-100 mm, da emisferico a convesso poi appianato cuticola liscia lucente, separabile, vischiosa con l'umidità, di colore giallo-ocra bruno-ocra, margine a lungo involuto.
Tuboli: adnati, decorrenti, all’inizio giallo pallido, poi giallo, giallo-olivastro.
Pori: giallo pallido poi giallo-olivastro, imbrunenti al tocco.
Gambo: 40-70 mm, cilindrico, fusiforme, di colore giallo pallido all'apice, ricoperto da una granulazione giallastra a brunastra rosato alla base, ife miceliari rosa.
Carne: sada da giovane poi molle e acquosa, da bianca a giallo pallido poi gialla, rosa alla base del gambo.
Sapore: dolciastro.
Odore: fruttato-acidulo.
Habitat: Pino nero = Pino austriaco (Pinus nigra).

Immagine 2

Microscopia: exs. n.610
Spore: ellittiche-fusiformi, (7,14-) 8,18-9,60 (-10,14) x 3,09-4,37 µm.
Basidi: tetrasporici, clavati senza giunti a fibbia, 21,33-25,11 µm.
Cheilocistidi: clavati senza giunti a fibbia, 30,78-48,77 x 6,7-9,03 µm.
Caulocistidi: cilindro-claviformi simili ai cheilo.
Pileipellis: ife a strati paralleli, immerse in una massa gelatinosa, senza giunti a fibbia, larghe 2,36-5,89 µm.

Ambiente: Boschi di aghifoglie


[< Precedente] [HOME] [Seguente >]