Laetiporus sulphureus (Bull.) Murrill (1920)

Etimologia: del latino “laétus”= lieto, gaio, luminoso, e dal greco “pórus”= poro, per il colore brillante dei pori, e dal latino “sulphúreum” per il colore della parte superiore dei carpofori che ricorda quello dello zolfo allo stato naturale.

 

Basidiocarpo: annuale, sessile o substipitato, singolo, o in numerosi cappelli sovrapposti.
Cappello: Ø 100-200-300 mm. con spessore 20-30 mm. flabelliforme, carnoso, superfice superiore, vellutata, irregolarmente grinzosa, zonata di colore giallo-limone, giallo-arancio, arancio-rossastro, essiccando giallo-chiaro, a biancastro, margine regolare, ondulato, lobato, concolore.
Tuboli: corti, di colore giallo-zolfo.
Pori: arrotondati, di colore giallo-zolfo, essuadenti un succo acquoso, giallastro.
Contesto: di colore bianco-giallastro, da giovane molle carnoso, poi da secco gessoso, fragile.
Odore: fungino, poi in vecchiaia sgradevole.
Sapore: acidulo.
Habitat: parassita e saprofita, latifoglia, Castagno. È agente di caria bruna.

 

Ambiente: Boschi di latifoglie


[< Precedente] [HOME] [Seguente >]