Lyophyllum conglobatum (Vittad.) M.M. Moser (1953)
Etimologia: dal greco “lýo”= sciolgo, libero, e “phýllon”= foglia, lamella, con le lamelle libere, sciolte, senza congiunzioni tra loro, e dal latino “conglobatus”= ammassato in una forma globosa, con evidente la massa carnosa da cui fuoriescono i carpofori.

 

Cappello: Ø 30-70.mm. convesso, poi appianato, cuticola, liscia, di colore grigio-bruno-chiaro a grigio-bruno-scuro, bruno-nerastro, margine intero, più chiaro.
Lamelle: larghe, fitte, adnate a decorrenti con dentino, biancastre nel giovane, poi bianco-crema pallido, mai annerenti.
Gambo: 40-90 mm. da cilindrico a clavato, pieno, sodo, bianco-grigio-pallido, grigio-brunastro, pruinoso in alto, gambi concresciuti alla base con altri gambi in una massa globosa biancastra profondamente interrata.
Carne: soda, elastica,bianca.
Sapore e Odore: gradevoli, leggermente farinoso a erbaceo.
Habitat: pascolo, Salice (Salix sp.), Betulla (Betula pendula).

Immagine 2 3

Microscopia: exs. n.737
Spore: rotonde, con guttula centrale, 5.67-7.21 x 5.39-6.86 µm, media 6.51 x 6.04 µm., Q. 0.96-1.18, Qm. 1.08.
Basidi: stretti, clavati, tetrasporici, con giunti a fibbia, 35,24-43,67 µm.
Pileipellis: formata d’ife parallele, cilindriche, aggrovigliate, con giunti a fibbia, larghe 2,12-4,68 µm.

Ambiente: Boschi di latifoglie


[< Precedente] [HOME] [Seguente >]