Polyporus alveolarius (Bosc) Fr. 1821

Sinonimi:
Boletus mori (Pollini) Pollini, Giorn. Fis. Chim. Stor. nat. Med. Arti Pavia 9: 35 (1816)
Cantharellus alveolaris (DC.) Fr., Syst. mycol. (Lundae) 1: 322 (1821)
Favolus alveolarius (DC.) Quél.,: 185 (1886)
Favolus kauffmanii Lloyd, Mycol. Writ. 5: 614 (1916)
Favolus mori (Pollini) Fr., Syst. orb. veg. (Lundae): 76 (1825)
Favolus whetstonei Lloyd, Mycol. Writ. 5: 615 (1916)
Hexagonia mori Pollini, Hort. Veron. Pl. Nov.: 35 (1816)
Merulius alveolaris DC., Fl. Fr., Edn 3 6: 43 (1815)
Polyporellus alveolaris (DC.) Pilát, Beihefte Bot. Centralbl. 56: 36 (1936)
Polyporus mori (Pollini) Fr., Syst. mycol. (Lundae) 1: 344 (1821)

Etimologia: Polyporus, dal greco “polys”= molti,numerosi, e da “póros”= poro, passaggio, con molti pori, e dal latino “alveolarius”= provvisto di alveoli, piccole cavita, perché l’imenio ricorda un nido d’api.

 

Basidiocarpo: annuale, pileato, solitamente stipitato lateralmente.
Cappello: Ø 20-50 mm. reniforme, ovoidale, superfice giallastra, giallo-ocraceo, ricoperta da squame appressate più scure del colore di fondo, margine involuto nel giovane, ondulato, concolore.
Tuboli: curti, biancastri crema-biancastri, crema-giallastri.
Pori: poligonali-allungati, ampi, più tondeggianti verso il margine, leggermente decorrenti sul gambo.
Gambo: 5-15 mm, cilindrico, eccentrico, laterale, corto, sovente quasi assente, liscio, pieno, di colore bianco-giallastro, più scuro bruno-scuro alla base.
Carne: di colore biancastra, molliccia nel cappello, fibrosa nel gambo, fragile quando secco.
Odore: dolce.
Sapore: leggero.
Habitat: latifoglie, Frassino (Fraxinus excelsior). È agente di caria bianca.


Ambiente: Boschi di latifoglie


[< Precedente] [HOME] [Seguente >]