Polyporus brumalis (Pers.) Fr. (1818)

Sinonimi:
Boletus brumalis Pers., Neues Mag. Bot. 1: 107 (1794)
Boletus umbilicatus Schrank, Baier. Fl.: 621 (1789)
Favolus apiahynus Speg., Boletín de la Academia Nacional de Ciencias de Córdoba 23(3-4): 407-408 [no. 114, reprint pages 45-46] (1919)
Leucoporus brumalis (Pers.) Speg., Fungi Fuegiani 28: 367 (1926)
Polyporus cyathoides Quél., Mém. Soc. Émul. Montbéliard, Sér. 2 5: 270 (1872)
Polyporus nanus F. Brig., Atti R. Ist. Incoragg. Sci. nat. Napoli 6: 151 (1840) (1828)
Polyporus trachypus Rostk., in Sturm, Deutschl. Flora, III (Pilze) 28: 27 (1848)

Etimologia: Polyporus, dal greco “polys”= molti,numerosi, e da “póros”= poro, passaggio, con molti pori, e brumalis, da “brumale” appartenente al soltizio invernale, invernale, per la sua stagione di crescita.

 

Basidiocarpo: annuale, pileato e stipitato, singolo, o con più basidiomi.
Cappello: Ø 20-60 mm, convesso, poi appianato, superfice finemente feltrata, di colore bruno, bruno-rossiccio, a volte con sfumature giallo-grigiastre, margine liscio, finemente ciliato.
Tubuli: leggermente decorrenti, corti, di colore biancastro a ocra-pallido.
Pori: piccoli, angolosi, di colore biancastro a ocra-pallido.
Gambo: 20-40 mm, cilindraceo, centrale o eccentrico, pubescente a leggermente squamuloso, di colore bruno-chiaro, base con una pubescenza bianca.
Contesto: di colore bianco, elastico, poi coriaceo.
Odore: fungino.
Sapore: dolciastro.
Habitat: legno di latifoglia.

Immagine 2

Ambiente: Boschi di latifoglie


[< Precedente] [HOME] [Seguente >]